Catalogato | Blogcafe, Mamma che ridere

Il frutto della passione

Pubblicato il 31 marzo 2010 da mammainbluejeans

La donna incinta è un ormone che cammina.

Può essere isterica, dolcissima, comprensiva, letargica, incoerente e totalmente fuori di testa. Può mettersi a piangere perchè passano le immagini di un terremoto, un bimbo che si ingozza di gelato o un cane abbandonato, la risposta comprensiva alle sua lacrime sarà “sai, sono gli ormoni”.

Una scusa fantastica per chi, come la sottoscritta, ha la lacrima facile.

Gli ormoni, come è noto, comandano a bacchetta. Quindi quando, durante la mia prima gravidanza, mi sono trasformata in una femme fatale, mio marito è rimasto…come dire…piacevolmente sorpreso. Diciamocelo, fare l’amore quando si è in attesa ha una serie di indiscutibili vantaggi:

  1. non ci si deve preoccupare di una gravidanza indesiderata. (tanto ormai la frittata è fatta)
  2. la mia gine diceva che fa “bene al bambino” sapere che papà e mamma si vogliono bene. (!!!!)
  3. non ci si preoccupa per niente del proprio aspetto; personalmente mi sentivo bellissima. Una balena bianca forse, ma bella. E per una che non ha sempre avuto una gran stima di se stessa, è una figata.

Quindi passano otto mesi di coccole, tenerezze e sesso selvaggio. Peccato che nessuno vi prepari al poi.

Perchè tutto l’ormone che avevate se ne va via col liquido amniotico, o la fifa o quello che è, lasciandovi sfatte, con i punti che vi tirano, le tette che sgorgano latte e un nano che dorme nella culla accanto al vostro letto.  Praticamente un rottame.

Il più stravolto è ovviamente il maschio di turno, che non comprende la metamorfosi da seduttrice a monaca di clausura; nonostante ciò, vi lascia in pace, sperando che prima o poi un pò di ormone ritorni. (questo mio marito me lo ha confessato mooooolto dopo). 

Poveri maschi. Del post partum io ricordo il bisogno indiscutibile di dormire, lui la totale assenza di desiderio. In realtà il desiderio c’era, ma, mi spiace ammetterlo, vinceva il sonno.

Poi passa. Lentamente il corpo riprende regolarità, una forma normale. Il nano cresce e voi siete più forti, meno stanche.

Poi accade. Una domenica pomeriggio non siete delle mamme con il capello a carciofo, cinque chili in più e la disperata necessità di un’estetista: siete di nuovo donne, forse non bellisiime o fighissime, ma di nuovo donne. E gli saltate addosso (più o meno).

Vi sentite come a vent’anni, quando lo avete conosciuto e siete andate in campeggio con lui, e avete fatto l’amore a duemila metri sotto una tenda. Risentite l’odore di donna che pensavate fosse stato archiviato da quello della pasta Fissan, vi addormentate serene e soddisfatte, con la passione che ancora vi scorre nelle vene.

Venti giorni dopo una doppia linea vi comunica che siete incinta.

Destino beffardo? Gran culo a beccare l’ovetto proprio l’unica volta che vi dimenticate che siete una mamma? Non lo so. Forse sì.

So che sono felice, e che lo è anche lui.

E che questo nano tutto nuovo sarà sicuramente un figlio della passione!

 

7 Risposte per “Il frutto della passione”

  1. Flavia scrive:

    wow…è andata così? forse vuoi dirci che è meglio dormire un altro po’? :)))))

  2. Ondaluna scrive:

    Cara Mamma in blue jeans, nell’ordine le cose che ho pensato sono state:
    1. questo post potrei averlo scritto io
    2. Mi dici per favore quando succede, così da avere qualche speranza che l’ormone torni pure a me?
    3. Azzo. Forse è meglio che mi dici quando succede così da sapere quando è il caso di prendere un sedativo.

    :-D Un bacione.

  3. M di MS scrive:

    Anche io ho un ricordo bellissimo della prima volta dopo il primo bambino!!!
    Ma noi facciamo pianificazione famigliare…eh eh!

  4. Chiara 2 scrive:

    Come enunciai tempo fa al mio medico di famiglia: io e mio marito senza protezioni MAI. A momenti non ci baciamo neanche troppo stretti, senza la sicurezza. Infatti posso rinunciare a tutto, veramente, anche all’anestesia dal dentista, ma alla pillola mai.

  5. alessandra scrive:

    … eh, eh, cara mammainbluejeans, è esattamente così che sono rimasta incinta del secondo/a che nascerà a fine ottobre…. non era proprio la prima volta (il mio primo ha già due anni e mezzo…), ma sicuramente una delle prime volte più "appassionate".
    E dire che quando le mie amiche (almeno due o tre) mi dicevano che erano rimaste incinte la seconda (o terza!!!!!!) volta in modo non programmato le prendevo in giro e dicevo "dai ragazze, ma possibile che non avete ancora chiari i rischi del sesso non protetto????". Ora sono loro che prendono in giro me. Ciao ciao, Alessandra

  6. @Flavia: no,no… un altro nano lo volevamo. Mi fa ridere il fatto che è stato sicuramente concepito in quell’pccasione (della serie: se sarà di facili costumi sarà solo ed unicamente colpa nostra)
    @ondaluna: a me l’ormone un pò è tornato verso i nove dieci mesi del nano. Adesso ne ha venti…
    @alessandra: ma che è, siamo colleghe di pancia? nanosecondoarriva a fine ottobre inizi novembre, e le mie amoche sono terrorizzate che possa succedere anche a loro (anchese io ho nspiegato che non c’erano barriere nè chimiche nè fisiche per evitarelo…)
    @M e Chiara 2: io l’ho detto e fatto fino ad agosto scorso. Poi….kamikazissimi!

  7. Flavia scrive:

    ehi Mamma in blue jeans, lo sai che questo post ha vinto? il team di Huggies e le blogger partecipanti hanno molto apprezzato….soprattutto perchè l’argomento sesso non è tra i più facili e tu hai molto garbo e ironia.
    scrivimi per darmi il tuo indirizzo così riceverai una bella fornitura…. in tempo per il nuovo arrivo :)).


Lascia un commento

Parliamone

email facebook friendfeed linkedin rss twitter wmi

Le conversazioni del Village

thetalkinvillage.com

E’ una lunga storia

Scarica il banner!

veremamme

Iniziative