Catalogato | Blogcafe, Mamma che ridere

Gender Divide e sveglia presto

Pubblicato il 29 marzo 2010 da Flavia

Buonanotte, Pezzetto.

Buonanotte Mamma.

Muah.

Muah.

Mamma resti un po’ qui con me mentre mi addormento?

Va bene, cinque minuti dai. Pezzetto…?

Si’

Ti voglio bene.

Lo so.

Lui risponde sempre e solo “lo so”. Ed io ogni volta ricomincio:

Interpretazione 1. Lo so, mamma, perché tu sei la mia roccia, tu sei la mia certezza, tu sei l’amore che non si mette in dubbio.

Interpretazione 2. non hai bisogno di dirmelo mamma, me lo fai capire anche senza le parole.

Interpretazione 3. che palle ma’. Lo so. Sarà la miliardesima volta da quando so’ nato, che me lo dici.

Interpretazione 4. Lo so che mi vuoi bene.

Essendo un maschio, è probabile che quella giusta sia la quattro. Comunque. A scanso di equivoci.

Pezzetto…

Si’

Si risponde: “anch’io”.

Ah… vabbè.

——————————

Sveglia puntata alle 6.30. Taxi alle 7.00. Aereo alle 9.00.

Mi sveglio di soprassalto e guardo l’orologio: 6.28. Mi ha svegliato un rumore familiare di passetti e il bisbiglio:

- mammaa, devo fare pipì…

- Pezzetto, va’ in bagno, ormai ci vai da solo, su.

- Mammaaa… ho il naso otturato.

- Ecco, bene. Ti sei raffreddato di nuovo. Mettiamo lo spray di soluzione salina, vieni qua.

- Ma Mammaaa… posso rimanere qui con te?

- Io ora devo andare. Mettiti qui,  c’è papà (ZZZ). Io vado.

- Dove vai?

- Al lavoro. Ho un aereo, ma torno stasera.

- Nooooooo…

- Ma sì amore, lo sai che torno.

- No mammaaa…

sta per piangere…. Oddio no, ora farò tardi. Mannaggia le pipì delle 6.28! Mi si è attaccato stile polpo… Lo abbraccio e lo sbaciucchio per qualche minuto, gli dico che cercherò di tornare presto. Poi prendo i vestiti e li porto su. Non ho più il tempo per il caffè… 6.45…

Una secchiata d’acqua fredda in faccia e al trucco. Quale trucco? azz, l’ho lasciato giù. E qua serve una cazzuola, altro che ombretto. Ripasso davanti alla camera da letto e Pezzetto mi intercetta immediatamente, si siede nel letto e ricomincia:

- mammaaa…. torni prestissimo, promesso?

- ho detto che ci provo, amore (mai fare promesse sugli aerei in questi giorni)

Torno su. Ecchepporc…. il fondotinta e il fard, mancano. Devo riscendere giù. Questa volta Pezzetto fa finta di non vedermi mentre cammino come la pantera rosa, e volge gli occhi al cielo.

Beh ma ora te ne vai o no.



 

Questo post partecipa a “Mamma che ridere”, l’iniziativa grazie alla quale scriveremo uno spettacolo teatrale tutti insieme. Potete partecipare come commentatori (commentate qua sotto raccontando un episodio della vostra maternità sul tema bambini e pappe), e ogni settimana il commento più divertente riceverà una fornitura di pannolini (quindi non vi dimenticate di indicare un vostro indirizzo email e la taglia dei pannolini – potrebbe volerci un mese prima di riceverli quindi fatevi un po’ di conti). Potete postare qui nel Blog Cafè seguendo le istruzioni, oppure potete partecipare dal vostro blog, e in questo caso qui trovate tutte le info per iscrivervi. Ci sono 6 temi tra cui scegliere. In scena!

2 Risposte per “Gender Divide e sveglia presto”

  1. Ondaluna scrive:

    La cosa più bella pe rme + stato leggere "prendo i vestiti e li porto su".
    Quel "su" aveva un’immagine mei miei occhi :-)
    Ti voglio bene Flavia.

    PS Sei proprio sicura che fosse corretto dire "si dice anch’io"? secondo me voleva dire esattamente "lo so". E non "anch’io" :-D

  2. Flavia scrive:

    Onda…..grazie!!!! anch’io :)
    certo che lui voleva dire "lo so". sono io che pretendevo di insegnargli una risposta più romantica :))))


Lascia un commento

Parliamone

email facebook friendfeed linkedin rss twitter wmi

Le conversazioni del Village

thetalkinvillage.com

E’ una lunga storia

Scarica il banner!

veremamme

Iniziative