Catalogato | Mamme imprenditrici

Tags :

Le creazioni di Sarah

Pubblicato il 11 settembre 2009 da Flavia

Ho intervistato Sarah Zaramella, autrice di creazioni artigianali e
del sito Le creazioni di Sarah 

Ciao Sarah, raccontaci di te: chi sei, da dove vieni, cosa fai…

Mi chiamo Sarah e sono di Roma anche se dal 95 vivo in Piemonte, in un piccolo e tranquillo paesino immerso tra le colline, Cerrina, sono laureata Dottore in Economia e Commercio e dopo la nascita della mia secondogenita di comune accordo con mio marito abbiamo deciso che io restassi a casa a fare la mamma full time. Ho due splendide bimbe Giulia di 7 anni ed Elisa di 4 che occupano gran parte della mia giornata, poi c’è la nostra gatta Mirtilla… uno spirito libero e mio marito che è la mia forza, il mio primo estimatore.

 
Come ti è venuta l’idea del tuo laboratorio?
 
Dopo la decisione di rimanere a casa, abbiamo dovuto dare un bel taglio alle spese superflue ed io ho ritirato fuori alcune passioni che avevo rimosso in questi anni. Ho iniziato a pasticciare con lana, stoffa colori e creavo così i regali per i nostri parenti e amici….. Dopo alcuni anni da hobbista sono arrivata ad un bivio, lasciar perdere tutto, trasformare un hobby in una vera attività. Logicamente abbiamo scelto la seconda!
quali difficoltà hai dovuto superare per realizzare la tua idea?
 
La più grande difficoltà è la burocrazia, non esiste una legislazione sull’artigianato artistico ne per gli  hobbisti, è tutto molto confuso, si parla di “occasionalità”…. ma il limite è davvero sottile.
Cosa hai imparato finora? cosa ci vuole per iniziare una propria attività e passare dall’idea alla realizzazione? insomma come si fa?
 
Prima di tutto devo dire che sono una Autodidatta…. fortunatamente ogni lavoro manuale mi risulta particolarmente facile, probabilmente perchè mi diverto molto.
Non è stata una scelta semplice….. inizialmente avevo una grande paura, paura di non riuscire a coprire le tante spese, paura di fare un buco nell’acqua, paura di non riuscire a seguire la mia famiglia, ma fortunatamente mio marito mi ha dato una grande forza ed insieme abbiamo superato tutte queste esitazioni.
Dal punto di vista pratico, ho dovuto aprire la partita iva, la mia posizione inps ed inail…. ed iniziare a “Creare”…..
 
 
a cosa ti ispiri per le tue creazioni ?
 
Molti degli oggetti che realizzo nascono dalle esigenze e dalle richieste dei miei stessi clienti, lascio loro ampia libertà di scelta nei materiali, tessuti, colori e cerco di trasformare le loro idee in oggetti. Molta ispirazione arriva anche dagli States, mio nonno materno era americano e hanno vissuto alcuni anni in South Carolina…. io ricordo i colori, i profumi, le tradizioni, quelle tradizioni che la vita frenetica ci ha fatto dimenticare…. quindi spesso cerco di dare alle mie creazioni quell’effetto “old” che ci riporta a emozioni lontane.
la rete sta rivalutando molto l’artigianato e fioriscono molti “mercatini”. in cosa sono diverse dalle altre  le tue “opere”?
 
Purtroppo i mercatini (quelli reali ma anche quelli online) sono spesso specchietti per le allodole…. ed è molto facile essere posizionati vicino ad un banchetto di cianfrusaglie cinesi.
Quando realizzo qualsiasi oggetto prima di consegnarlo “mi deve piacere”, se io non sono soddisfatta penso che non lo sarà neanche il cliente. Cerco sempre di mettermi nei loro panni ed è probabilmente per questo che sono sempre molto soddisfatti. Inoltre pongo molta attenzione ai materiali, alle rifiniture, agli accessori…. insomma nulla è lasciato al caso.
la soddisfazione maggiore che hai avuto finora in questa attività?
 
All’inizio dell’anno, il mio primo ordine mi è arrivato da una zia che mi ha chiesto di confezionarle una cicogna per la nascita del nipotino…. la ragazza partorì d’urgenza ma la mattina stessa la cicogna atterrò nella sua stanza di ospedale. Qualche mese dopo, in una piovosa giornata, mi suonarono a casa una coppia di signori, pensai a dei testimoni di Geova, invece con grande sorpresa ed emozione erano i suoceri della ragazza che erano passati per caso dal mio paesino e si erano ricordati di me e sono venuti personalmente a ringraziarmi per quella cicogna.

e lo stress più grande?

 
Quando pur di accontentare le mie clienti ho tempi strettissimi per realizzare le mie creazioni e per spedirle!
 

le lettrici se lo chiederanno di certo: è un’attività redditizia?

Non è una attività che ti permette di vivere se questo è quello che volete sapere, come ho detto il mio lavoro principale è la mamma e mi impongo tutti i giorni di non farmi prendere dall’entusiasmo e dalla frenesia del laboratorio. Inoltre, poichè amo creare, ho piacere che chiunque possa avere una mia creazione e quindi cerco di tenere i prezzi a livelli “decenti” quindi considerando che tutto quello che esce dal mio laboratorio è fatto solo ed esclusivamente da me (sono troppo pignola per poter commissionare ad altre hobbiste dei lavori da rivendere con la mia denominazione) e di mani ne ho solo due e le mie giornate sono di 24 ore, so che posso arrivare ad un tot di realizzazione e non oltre.
Riesco comunque a coprire le innumerevoli spese che comporta l’apertura di una attività…. e faccio quello che amo.
 

  quali obiettivi ti poni per il futuro?

 
Mi piacerebbe implementare dei corsi magari unendo la possibilità per chi ha famiglia di mangiare e pernottare nelle mie splendide colline, come sempre con costi sopportabili, mi piacerebbe partecipare a qualche fiera di artigianato artistico anche se per il momento i costi sono proibitivi, spero di riuscire nei prossimi anni a prendere l’attestato di “Artigianato d’Eccellenza”.
Mi piacerebbe creare un bel salotto  anche virtuale dove incontrare altre donne e aiutarle a  dare vita ad oggetti dal sapore antico…. un pò come facevano le nostre nonne magari davanti ad una tazza di thè e biscotti alla cannella.
quante splendide idee. Mi hai fatto venire la voglia di un salotto e di un thè, e di due chiacchiere con  quei tempi lenti di una volta. In bocca al lupo Sarah! 

 

3 Risposte per “Le creazioni di Sarah”

  1. maria daniela scrive:

    è un’intervista bellissima, la storia di Sarah serve sicuramente da esempio a tante donne virtuose che hanno paura di buttarsi o che sottovalutano le proprie capacità. in bocca al lupo a sarah, al sito e alle lettrci!

  2. angelica scrive:

    ciao a tutte, tanti complimenti a sarah,ed un augurio speciale perchè possa realizzare i suoi sogni io intanto faccio una visita al suo sito….

  3. ilenia scrive:

    in bocca al lupo anche da parte di una "collega"…
    brava Sarah….buon lavoro e buona giornata a tutte!
    Ienia


Lascia un commento

Parliamone

email facebook friendfeed linkedin rss twitter wmi

Le conversazioni del Village

thetalkinvillage.com

E’ una lunga storia

Scarica il banner!

veremamme

Iniziative