Grillo, una minaccia?!

Pubblicato il 06 settembre 2009 da Pocahontas

Arrivo tardi (come sempre), ma vorrei comunque dire la mia. Saro’ superficiale ma, a me questa storia di Grillo non fa storcere poi cosi’ tanto il naso. Sara’ che io l’ho interpretata come un semplice mercatino di scambio di articoli per l’infanzia e non ci vedo minaccia alcuna per la categoria blogger, mamme, donne. Sara’ che conoscendo l’ironia di Grillo (che non necessariamente apprezzo, ma di cui prendo comunque atto) non mi sono crucciata per le espressioni un po’ datate usate per descrivere le mamme. Sara’ che sopporto meno l’immagine della donna dipinta da Berlusconi & Co., un’etichetta vera  e propria che non risparmia nessuna donna, mamma, blogger e non. Un marchio che umilia. Sara’ che mi ha infastidito di piu’l'articolo su La Republica perche’ in quello si’ che si parlava di mamme blogger come categoria in modo educato ma riduttivo, ed io personalmente non mi sono sentita rappresentata. Sara’ che ho sottovalutato la situazione, sara’ o non sara’ ma io il banner l’ho pubblicato sul mio blog un paio di settimane fa, come faccio ciclicamente con altri banner di iniziative indirizzate alle donne. C’e’ e ci rimarra’ per un’altra settimana per poi lasciare il posto ad un’altro banner che, nella mia opinione, possa essere utile a qualcuno che per caso inciampa nel mio blog. C’e’ perche’ ho pensato che possa far comodo scambiare un passeggino con un seggiolone; c’e’ perche’ non ci ho trovato nulla di offensivo, c’e’ perche’ non lo vivo come qualcosa in antitesi con il resto. C’e’ perche’ forse non ho letto tra le righe e non sono andata a fondo? puo’ darsi. Forse non ho dato il giusto peso alla cosa o forse si’. Il fatto e’ che se voglio sentirmi ed essere parte attiva del “mamme 2.0″ vado su veremamme e non da Grillo e questa per me e’ una cosa talmente scontata da spazzare via qualsiasi tipo di polemica. 

A presto!

2 Risposte per “Grillo, una minaccia?!”

  1. gekina73 scrive:

    Io trovo invece che l’iniziativa sia ottima e che grillo propone semplicemente uno strumento. Sta alla nostra intelligenza usarlo bene.
    Il web è pieno di mamme blogger ma sono poche quelle che denunciano situazioni al limite della discriminazione (nidi pochi e con orari impossiobili, ru486 e test psichiatrici, epidurale…. eh eh! e la lista sarebbe lunghisisma).
    Le donne in Italia sono l’ultima ruota del carro e le mamme neppure quella.

    Io per esempio sto tentando di promuovere la petizione epidurale gratuita e garantita. L’unica mamma blogger finora che ha aggiunto il link alal petizione (http://www.firmiamo.it/analgesiaepiduralegratuitaegarantita) è Marilde con il suo "la solitudine delle madri". Che ringrazio pubblicamente.

    Approfitto per lanciare anche qui l’appello:
    epidurale a chi la chiede. Gratuita e garantita.
    Per difendere la libertà di scelta.
    http://www.firmiamo.it/analgesiaepiduralegratuitaegarantita

    Per chi volesse approfondire il discorso può leggere l’appello che ho lanciato su Dol’s e la Libera Università delle Donne:
    Dol’s
    Libera Università delle Donne

    E fare un saltino nel blog epidurale (http://epidurale.blogspot.com/) dove tento disperatamente di aprire un dibattito serio sugli stereotipi che affliggono gravidanza, parto e maternità.

    Diamoci una mano, non solo sui pannolini lavabili!
    PS perdonatemi se vi sembro presuntuosa. Non lo sono cerco solo di condividere con altre donne – non necessariamente mamme – questa batatglia sacrosanta.

    Per chi ha voglia di contattarmi: epidurale@gmail.com

  2. Flavia scrive:

    Grazie Pocahontas! per rispondere al titolo del post: ma no, certo, non è da vedere come una "minaccia", addirittura.. nè oserei mai giudicare negativamente chi mette il banner! Ho apprezzato molto tutti i commenti che invitano a non farne una polemica stupida per rivendicare l’uso di un nome (mamme 2.0) ma piuttosto un’opportunità per richiamare l’attenzione su certe cose che ci premono. come quelle, giustamente, che citi anche tu.
    @Gekina: ammiro molto la tua battaglia, ho sottoscritto la petizione, e ho un’infinita stima di Marilde. Farò il possibile e ti risponderò in privato per non deviare troppo dal topic del BlogCafè :)


Lascia un commento

Parliamone

email facebook friendfeed linkedin rss twitter wmi

Le conversazioni del Village

thetalkinvillage.com

E’ una lunga storia

Scarica il banner!

veremamme

Iniziative