Portare-sopportare

Pubblicato il 13 luglio 2009 da Ondaluna

Mi sento strana oggi. Non ho particolari dolori se non quelli di sempre, anzi, quelli degli ultimi giorni (solo con diversa intensità), eppure mi sento strana. Voglio credere che sia solo suggestione, che sia questo strano incedere lento che mi impedisce di camminare per la pressione all’utero, ma, ripeto ancora, mi sento strana.
Mi sento che non riesco a tenerti, Chiara. E di questa cosa mi vergogno, perché guardando il calendario penso “ma stupida che sono, è ancora troppo presto per partorire”, e mi dico che mi piacerebbe saperti tenere ancora un pò. Ma devo ammetterlo, non so più dove metterti e come portarti. Mi viene difficile trovare qualsiasi posizione, qualsiasi movimento, e stavolta, lo sento, non è più una cosa transitoria, è che proprio non riesco a recuperare un pò di autonomia.
Rallento sempre di più, e differentemente da altre volte, poi non torno ad accellerare. Qualcosa, lì sotto, punge e brucia.
Quando tu ti muovi, e ti muovi tanto, fai male e non è più tanto divertente, e soprattutto sempre più spesso si creano sporgenze dovute alla posizione che assumi. Lo spazio dev’essere diventato davvero poco, immagino. Hai scoperto i miei fianchi, e anche la schiena: sento che occupi anche quelle direzioni, e che dai delle botte verso lì. Non mi piacciono, ma comprendo che non devi essere messa tanto comoda. Non so se provo più pena per me o per te: di certo nessuna delle due in questo momento si sta divertendo troppo.
Gli esami per la curva glicemica sono andati bene (che sollievo!). Sei grande solo perché sei una piccola gigantessa (e da chi hai preso???). Devo rispettare la normale dieta e stare un pò a riposo. Tra pochi giorni faremo un’altra visita e controlleremo se il liquido è ancora aumentato, ma intanto non c’è nulla di patologico. Mi sento come se non fossi nemmeno originale, ché a giro, un pò tutte le gestanti si confrontano con questo tema, e con i desideri relativi ad anelare un gelato, un piatto di pasta, una fetta di torta. Ammetto che fare i conti con la fame e le rinunce è una cosa a cui sono abituata, ma farlo in condizioni di stress mentale e fisico come in gravidanza è un tantino più arduo. Sento che psicologicamente me la sto cavando bene, ma la bilancia non è clemente con me, nonostante io non mi sia lasciata andare a tutti i morsi della fame che ho provato (ultimamente sono un pò meno severa con me stessa, e questo è servito a piangere un pò meno). A volte mi chiedo se serva a qualcosa, e alla fine lo so che è per la mia salute, ma il risultato è che un esile fuscello non lo sono ugualmente.
Mi resta il malumore: sono stanca, il pancione mi pesa, non riesco quasi più a muovermi.

8 Risposte per “Portare-sopportare”

  1. ondaluna scrive:

    Le settimane avanzano, e mente Flavia "medita" sul suo lettino da spiaggia, io continuo a pubblicare il mio diario, per voi che, come me, siete ancora (di tanto in tanto) davanti al pc…

  2. Laura scrive:

    davanti al pc, ora che questa gravidanza sta per arrivare a compimento, mi rendo conto di quanto l’ho vissuta insieme a te (rivivendo in qualche modo le mie, ma con uno sguardo e una consapevolezza diverse). Ancora poco, cara ondaluna, porta e sopporta, come puoi, la tua creatura, poi il tuo corpo piano piano ritornerà piu’ tuo. Amalo e abbine cura. Un abbraccio

  3. Isa scrive:

    Ciao Onda! passavo a punto per vedere se avevi dato qlche tua notizia e chiederti come stavi…ed eccoti qua! ;-) Come va? quanto manca…?!
    Sto per traslocare e forse saro’ qlche tempo senza una connessione, quindi ti vorrei fare gli auguri fin da adesso! In bocca al lupo E CORAGGIO! ci siamo col pensiero!
    Bacio!

  4. ondaluna scrive:

    Grazie per questa vostra presenza, spero di poter restare con voi fino alla fine, ci siamo quasi, e la vostra compagnia mi aiuta molto!
    Buon trasloco Isa, troverai i miei aggiornamenti qui su VM, con lo scarto di qualche giorno, ma la differenza è davvero poca… a momenti ci siamo, ormai è questione di giorni!

  5. Flavia scrive:

    ci sono, ci sono (in un sordido internet cafe)! un bacione Onda!

  6. lastaccata scrive:

    Carissima Ondaluna,
    seguo da settimane il tuo diario. E’coinvolgente, umano, autentico, scritto da una "vera" mamma. Non posso far altro che esserti vicina, evitando come la peste di dirti "coraggio, ci siamo passate tutte" perchè è una frase che, a mio avviso, servirebbe soltanto ad indispettirti.
    L’unica cosa che posso dirti, ammesso che serva a qualcosa, è di continuare ad essere coraggiosa come sei stata finora, a non smettere di trasporre su "carta" le tue sensazioni e cercare di sopportare al meglio queste ultime cinque settimane che, lo so , al momento ti sembrano eterne.
    Non è semplice, e questo caldo pazzesco non aiuta certamente, fa impazzire anche chi incinta non è.
    Ma, e perdonami la frase scontata di una mamma che "c’è già passata" ( orrore! L’ho detto!), ti giuro su quanto ho di più caro che quando stringerai al seno la tua piccola tutte le rinunce che sei stata costretta a sopportare passeranno in secondo piano.
    Guarderai la tua piccola così come si osserva un miracolo, e ti sentirai talmente orgogliosa di te stessa da pensare soltanto " Ce l’ho fatta. E’stata durissima ma ci sono riuscita".
    Un bacio enorme,
    Luana

  7. Silvietta scrive:

    abbi fede, Ondaluna, so che sembra incredibile, ma se vogliono starci, trovano il modo! La mia prima impressione con LaPulce fu proprio "cielo, quant’è lunga, e come faceva a starci??!" ma fino a quando non è il loro momento… se ne stanno lì accoccolati con la mamma!!
    un grande abbraccio
    silvietta

  8. ondaluna scrive:

    Grazie grazie grazie, ragazze mi state dando il meglio di voi!

    @Flavia, evviva, ci sei!

    @Luana, ti ringrazio per le tue parole, per le cose belle che scrivi di me, e ci credo appieno al fatto che quando la stringerò tra le braccia sarà un’emozione immensa (già me l’immagino).

    @Silvietta
    (e anche per le altre)
    Credo che a 5 settimane non ci arriverò proprio: dagli utlimi aggiornamenti dovrebbe essere questione di giorni. Il diario è un pò indietro, quindi probabilmente, col permesso di Flavia, prossimamente pubblicherò un pò più spesso, ed in ogni caso, se dovesse succedere "il peggio" (il meglio , direi a quesnto punto!), mi premurerò a pubblicare tutto quello che ho scritto fino ad oggi, e ad aggiornarvi sugli eventi imminenti.


Lascia un commento

Parliamone

email facebook friendfeed linkedin rss twitter wmi

Le conversazioni del Village

thetalkinvillage.com

E’ una lunga storia

Scarica il banner!

veremamme

Iniziative