Catalogato | Flavia blog

Tags : ,

Vi festeggio.

Pubblicato il 29 aprile 2009 da Flavia

Festa della mamma, qualche giorno prima.

Ho l’aria stanca, e penso che sia il primo indizio degli anni.

Mi capita di specchiarmi, per caso, di sfuggita, nel vetro di una macchina o di una porta, e chiedermi :  che cos’è quella faccia? Cosa sono quelle ombre? Qual è il messaggio che comunico?

La giornata comincia con un progetto di lavoro che, tanto per cambiare, non partirà. E la pioggia. Prosegue con vari messaggi che poi non ricevono risposta. Come se stessi  eternamente rincorrendo qualcosa.

Ormai passo i giorni saltando da una pagina ad un’altra, smaterializzata in tanti pezzetti che lancio in giro. E mi ritorna, da un vetro, l’immagine di una donna stanca, con la mente che corre per non invecchiare, come condannata a correre senza fermarsi mai, come dimostrano invariabilmente tutte le scelte fatte finora.

Ma le donne. Quelle che sto conoscendo. Quelle che non conoscevo. Quelle che immaginavo, mio malgrado, solo per categorie: vipere isteriche, o troppo buone e deboli e sottomesse. Loro brillano come tante stelle in un cielo tutto per me. Danzano su un filo. Dipingono di parole colorate le mie giornate. Mi parlano. Oppure non si vedono. Ma in quante città si nascondono? Queste donne creano, cucinano, scrivono, fanno progetti, curano gli altri. Piangono. Ridono.

E non si accontentano e continuano a cercare.

Sono sognatrici, combattive, tenaci. Sono spaurite, proiettate in un futuro sconosciuto e in nuove avventure. Sono entusiaste, di quell’entusiasmo a cui temevo che con l’età “adulta” avremmo dovuto rinunciare.

Mi viene sempre in mente quel pezzo che dice “perché il brillare naturale dei tuoi occhi, non lo scambiassero per pianto” e penso che molto spesso è il pianto, che facciamo passare per il brillare naturale dei nostri occhi. E così succede persino che mi chiamino… vulcano.

Ma quale vulcano. Grazie a voi so cosa significa cadere e rialzarsi, avere paura e andare avanti. Arrabbiarsi e amare la vita, trovare la bellezza nelle piccole cose. Grazie a voi lo so ogni giorno un po’ di più.

A tutte voi. A Trento, a Bologna, a Palermo.

Grazie.

14 Risposte per “Vi festeggio.”

  1. Marilde scrive:

    Proprio oggi parlavo di te con un’amica, che mi guardava ovviamente preoccupata dicendomi "su internet? l’hai conosciuta su internet?" ( Eh sì, lo sento ancora dire…), e comunque le dicevo un sacco di belle cose, di te e altre donne che ho conosciuto in rete. E va bé, niente, grazie di queste parole. Sugli anni che passano invece ne riparliamo quando ti avvicini ai 50, ok?

  2. piattinicinesi scrive:

    la nostra faccia dipende dai periodi. da adesso in poi la nostra vita si leggerà più chiaramente sul volto, e questa è una cosa bella.
    dopo questi due giorni passati insieme anche io m sento di dover ringraziare il web e tutte le persone che ho consociuto, che mi fanno compagnia ogni giorno.
    è bellissimo, grazie

  3. my scrive:

    queste donne che appena rientrate da fuori, invece di smazzare lavatrici e preparare manicaretti per la settimana, son già qui online……..non stanno bene. Avranno qualche problema.

    tu ringrazi? e io cosa dovrei dire allora?
    della fortuna sfacciata che ho avuto a conoscervi?

    GRAZIE A VOI!

  4. Flavia scrive:

    @Marilde, davvero? ma che onore, e non faccio per dire…
    @PIattins, eh, se lo dici tu che è una cosa bella, comincio a crederci sul serio.
    @MY, lo so lo so che non siamo tanto normali :)

  5. M di MS scrive:

    Vabbè, allora vedo che non sono l’unica pazza che si è già collegata dopo la coda in A1 per incidente! E, ragazze, ho già fatto la lavatrice, tze tze!

    Flavia, hai scritto un bel post, che comunica tutti quei pensieri che a volte ti vedo dietro gli occhi e il tuo sorriso furbetto. Un post che serve a conoscerti meglio.

    Buoa festa della mamma a tutte noi!

  6. Mamma Cattiva scrive:

    Ore 23.28 Mi affaccio prima di andare a nanna e leggo solo ora questo post di Flavia.
    Eventi memorabili della giornata:
    1) Il mio Leo che mi porta un biglietto di auguri per ‘sta festa della mamma.
    2) La mia Picca che mi sta incollata come una cozza per super raffreddore
    3) Il doc che dopo pranzo mi dice "vai a farti un giro che ne hai bisogno"
    4) Acquistato un regalo per Flavia (sì hai capito bene, un regalo per te e neanche avevo letto questo post). Te l’avrei portato il 23.
    5) Letto questo post

    PS Anche in questa casa va una lavatrice, un powerpoint con una presentazione che fa buchi da tutte le parti e due belle occhiaie sotto degli occhi che brillano.

    Un abbraccio a tutte ‘ste belle donne!

  7. Flavia scrive:

    M di Ms, grazie. tu hai vinto il mio podio per la frase più divertente: "finalmente abbiamo la prova che hai i figli"!! :))))) ahahah, bellissima!!

    Mammacattiva, sono assolutamente senza parole. (…..)

  8. bello flavia,
    non si può che condividere milllimetro per millimetro ciò che dici e che senti.
    grazie anche di questo luogo dove tutto ciò è dicibile …

  9. Laura scrive:

    Grazie di cuore a Flavia e a tutte voi, donne che non vi accontentate e continuate a cercare. Cercare insieme è molto meglio che cercare in solitudine…

  10. Mariangela scrive:

    Brava Flavia, grazie. La fortuna è tutta nostra e… mi sa che hai ragione, sai, sul fatto che abbiamo un sacco di cose in comune?! A presto!!!!

  11. Chiara 2 scrive:

    Quando col web lavoravo soltanto (siti aziendali e applicativi), non ci credevo tanto a ‘sta storia dei rapporti su web. Poi ho aperto un blog e alcune delle mie migliori amiche le ho conosciute online (e purtroppo, pur avendole incontrate, devo continuare a mantenere i contatti su web, ché stanno troppo lontane!). Ho conosciuto almeno 2 coppie che si sono conosciute in chat e stanno insieme meglio di tantissimi che si sono conosciuti nella vita reale. Adesso le VereMamme… insomma, Internet è una cosa meravigliosa!
    Grazie, Flavia! :-)

  12. ondaluna scrive:

    Cara Flavia, i pezzetti che lasci in giro hanno tutti un filo conduttore, un minimo comune multiplo che ti manca solo di trovare, per ridare loro tutto il senso narrativo che appartine a loro, alla tua vita.
    Impossibile non invecchiare, se c’è una cosa che nessuno può impedirsi di fare è crescere. La vita che abbiamo trascorso ci si legge sul volto a 20, a 30, a 40 come a 50 anni: ognuno mostra la storia che ha. Certo, sarebbe bello andarne fieri, ma anche questo è solo utopia. Ognuno di noi ha cose di cui andare fiera e cose di cui vergognarsi, ma credo l’importante sia amare tutte queste cose come ciò che ci appartiene e ci rende quello che siamo. Non per nulla i casini che ci contraddistinguono sono "le scelte migliori possibili che abbiamo saputo fare per adattarci ad un mondo difficile". Senza quelle scelte, quello stile che ci contraddistingue, non saremmo quello che siamo.
    Se il tuo tempo trascorre saltando, è di saltare che hai bisogno, è di saltare che sei capace. Le scelte migliori verrano dopo, col tempo, quando sarai capace di sentire che è arrivato il bisogno di essere altro, di fermarti, se necessario, di cambiare. Ti credo una persona capace di fermarsi in piena corsa per annusare l’aria che respira intorno e saperla apprezzare. Basta solo volerlo fare.

    Se l’onore di brillare in un cielo tutto per te mi appartiene, una commozione così grande da fare quasi male mi si radica in petto e mi inorgoglisce.
    Mi riconosco nel cucinare, scrivere, fare progetti, curare gli altri.
    Nel piangere. Tanto.
    Nell’essere una cercatrice che non si accontenta, proiettata in un futuro che mi terrorizza.
    Ma con te Rido.
    Avere paura e andare avanti è qualcosa che ci accomuna, e come in un gioco di squadra, ora so che è possibile rendere creativo il dolore più grande che mi ha fatto sentire inadeguata.
    Lo proverò altre volte, cadrò, mi farò male. Ma poi ogni tanto ci faremo su una risata.

    Corri Flavia, fà tremare la terra, esplodi in mille frammenti lavici, libera la tua energia in quasiasi attività si possa esprimere. Creatività e potere distruttivo solo solo i due estremi di un continuum.
    In mezzo c’è la tua vita, ci sei tu in tutte le tue sfumature. Usale. E siine fiera.

  13. LGO scrive:

    Questo è un periodo in cui cerco come una pazza.
    E qui mi sembra che ci sia qualcuna delle risposte che vorrei.
    Di sicuro, ci sono molte delle domande che mi faccio.
    (Ma perché ve ne andate tutte a Milano? Quasi quasi organizzo un pic nic di rappresaglia qui a sud ;-) )

  14. Flavia scrive:

    ci sono cose non facili da dire, momenti difficili da attraversare, e volevo farvi sentire che mi siete preziose, Monica, Mariangela, Laura, Chiara….e la vostra risposta lo conferma!
    Ondaluna, mi fanno molto effetto le tue parole, ed è molto bello sapere che con me ridi :) (Corri Flavia corri!) :-)))
    LGO, mi fa davvero piacere sentirti spesso qui ultimamente, e non ti preoccupare che presto organizziamo un evento anche al sud!


Lascia un commento

Parliamone

email facebook friendfeed linkedin rss twitter wmi

Le conversazioni del Village

thetalkinvillage.com

E’ una lunga storia

Scarica il banner!

veremamme

Iniziative