Catalogato | Coaching, Principi

Tags :

A proposito di focus: la regola dell' 80/20

Pubblicato il 20 gennaio 2009 da Flavia

Una teoria facile facile che ho letto sul libro “Focus – the power of targeted thinking” (peraltro abbastanza divertente, soprattutto quando insegna la tecnica degli alter-ego per far lavorare le nostre molteplici personalità a seconda del bisogno, ed io non vedo l’ora di attivare la mia “Attila”) è quella dell’80/20. ovvero: di solito il 20% delle nostre attività produce l’80% del valore. Pare che la cosa sia un’applicazione universale addirittura dalla legge di Pareto sulla concentrazione del reddito (l’80% del reddito va al 20% della popolazione… già)  e valga per tutte le nostre attività. Per cui l’80% delle vendite è rappresentato dal 20% dei clienti, probabilmente indossiamo il 20% del nostro guardaroba l’80% delle volte, e molto probabilmente solo il 20% delle cose che facciamo produce l’80% della nostra felicità.

Il consiglio implicito in questa osservazione è che dovremmo focalizzarci di più su questo nostro “vital 20″ e, scusate l’espressione francese, cut the crap (diciamo così: sfrondare di molto il rimanente 80).

Quindi, dovremmo concentrarci a fare bene quello che già ci piace fare, anzichè insistere a migliorare quello che in fondo non ci piace. Ma di questo ne riparleremo, chè vale la pena approfondire.

Varie letture disparate e contemporanee hanno il potere di suscitare pensieri stimolanti. Per esempio, non è che per caso sto finalmente andando in questa direzione? Non è che finora ho vissuto usando per l’80% delle mie attività l’emisfero sinistro, cercando di rafforzare le mie abilità logiche e analitiche, cercando di diventare  la lucida opportunista che non ero, e solo ora ho finalmente dato retta all’emisfero destro e a quel 20% di cose che faccio bene, perchè sono quelle che mi appassionano e producono l’80% della mia felicità? Non lo so. Vedremo. Ma è un bel pensiero.

10 Risposte per “A proposito di focus: la regola dell' 80/20”

  1. Isa scrive:

    teoria molto interessante! e in effetti, penso di comprarmelo’ sto libro: non mi puo’ far male direi!! :))) (l’idea di guadagnare il 60% di efficacità facendo un 60% di meno mi sembra "un sogno"!! ma, forse le mie aspettative sono troppo alte!? … i made these calculations: if 80% of what i do produces only 20% of what really matters, and if i could achieve 80% with 20% of my time if managed properly, then i deducted that I could increase by 60% the productivity reducing by 60% the time i usually spend! correct??! LOOOL) Any tips on how to apply this 80/20 rule on my corrections? should I read intro & conclu of compositions only ?! :)))

  2. piattinicinesi scrive:

    questa teoria mi piace molto. in questo periodo la applico molto agli affetti, perché vedere 100 persone se sto bene con 20?
    vorrei applicarla anche alla forma fisica, basterebbero 20 addominali? :)))

  3. Flavia scrive:

    @ Isa: l’argomento principale del libro è come gestire meglio il proprio tempo (per esempio ridurre e-mail o riunioni inutili, delegare di più etc). quella dell’80/20 è solo un’esemplificazione per dimostrare l’importanza del focus. focus significa poche cose bene…. il resto si taglia con l’accetta delle 3 d: do, delegate, or delete.
    sulla quantificazione che proponi ci torno dopo, o lascio rispondere qualcun altro, perchè ora ho ancora la macedonia sullo stomaco e il cervello che fa la siesta..

  4. Isa scrive:

    ahahah! ste teorie mi piaciono, sai!?! siccome sto un po’ rincoglionita in questo periodo (sto a casa con la febbre e una tosse tremenda! una settimana di "sick leave" e già tante frustrazioni di vedere che il tempo scorre senza riuscire a farne niente di buono! non riesco a concentrarmi: ho una marea di cose a fare per lavoro e non c’ho la testa! grrrr!)… cmq, da rincoglionita che sono dicevo, vorrei un attimo tornare anche su questa regola dei tre D: il secondo "delega": avevo cercato di mandare a qlcuna qlche correzioni (does it ring a bell?!) ma la mia "proposta" è stata DELETED !!! cosa ne faccio quindi: li butto via?!
    ahahah! :)))
    digerito ora?!

  5. Isa scrive:

    @ piattini: 20 addominali… ?! bhé, direi che dipende dal tuo TARGET! :))) ad esempio se si tratta di darci "bonne conscience", direi che anche uno (dai! anche due! lool) al giorno possano bastare, no?! ;)))

  6. Flavia scrive:

    @Isa: che la proposta di Delega venga Deleted è un caso da manuale. In questo caso hai due scelte: delete pure tu (inclusola persona che ha rifiutato), or sub-delegate a un altro. oppure, visto che sei a casa malata, sospendi il giudizio per un po’ e rimettiti in forze, che la salute è sempre priorità 1.
    @Piattini vale anche per la forma fisica, ma nel senso che è solo il 20% del tuo corpo che produce l’80% delle tue imprecazioni allo specchio.

  7. Isa scrive:

    LOL Troppo forte la tua risposta re lo specchio! :)))) trop forte!
    re l’altra questione, se mi fai avere il tuo indirizzo, te li mando sti compiti: che erano su di TE! lol

  8. piattinicinesi scrive:

    @isa dai i compiti su Flavia? adesso volgio sapere che hanno scritto i tuoi studenti.
    @flavia touchée, ma ho un esperto anche su questo

  9. Isa scrive:

    ah ah!! ci sarà da ridere dunque, tra pocooooo?!? Sfelix, le retour! :)))
    allora, a proposito dei compiti, forse ho un’idea Fla (proponevi "sub-delegate", ovvero?! non ti pare che Piattini in qlche modo si sta proponendo??!! ahahaha! [vi l'avevo detto no?! che ero tutta rincoglionita, eh!] … dunque, cerchiamo di risolvere qlcosa: ne mando la metà a ciascuna di voi, vabbé?! [poi, Piattin, ti spiego in privato il xché e il come:) … che dubito interessa mica tutti qui! lol
    un bacio!

  10. Mariangela scrive:

    @ Piattini: l’esperto è atteso dall’Alpi alle Piramidi!! E’ un bel pò che non ci fai rdiere un pò…. Anche se devo dire che la divagazione palestinese è un’ottima lettura (@tuttelealtre: sul suo blog Piattins sta raccontando da qualche giorno la sua esperienza in Medio Oriente, se non l’avete già fatto leggetevi i suoi bellissimi post)


Lascia un commento