Catalogato | Libri, Ospiti

"Una madre lo sa": un brano che mi ha toccato

Pubblicato il 01 dicembre 2008 da Flavia

Da “Una madre lo sa”, di Concita de Gregorio:

“Cosa sia una “buona madre” lo decidono gli altri. Il coro. Lo sguardo che approva e che rimprovera. Quelli che sanno sempre cosa si fa e cosa no. Cosa è giusto, saggio, utile. Quelli che dicono “è la natura, è così”: devi avere pazienza, assecondare i ritmi, provare tenerezza, dedicarti. Se ti senti affondare è perchè sei inadeguata. Se soffochi è perchè non hai gli strumenti della maturità. Se i figli non vengono devi rassegnarti, non accanirti, non insistere: si vede che non eri fatta per essere madre. Se non ne hai voluti devi avere in fondo qualcosa che non va. Se non hai nessuno vicino che voglia farne con te è perchè non l’hai trovato, sei stata troppo esigente, forse troppo inquieta.Se preferisci il lavoro allora cosa pretendi. Se non ci sei mai che ne sarà di tuo figlio, se gli stai sempre addosso come potrà rendersi autonomo. Se ti stanca sei depressa, se ti fa impazzire sei un mostro. Se hai un padre ingombrante, una madre assente, se sei sopraffatta dalla loro presenza o se sei orfana; se la maternità non ti invade naturalmente e spontaneamente come un raggio di luce, se non ti cambia i connotati rendendoti nutrice solare, improvvisamente dedita e paziente: ecco, allora è chiaro che non hai l’istinto giusto. Sei inadatta, sei contro natura. Colpevole, a pensarci bene. Una cattiva madre. (…)
E’ che la vita per fortuna dà un posto alle cose. Quando sembra che non ce ne sia uno per sè guardarsi attorno aiuta. Le storie, anche poche storie incrociate senza averle cercate, parlano di questo: di come invece ci sia un posto per tutto, a saperglielo dare. Un posto anche per l’assenza. Di quante ombre sia pieno l’amore perfetto, e di quante risorse inattese. Di quanti modi esistano per accogliere quello che viene, quello che c’è. Tanti modi così diversi e tutti senza colpa, alla fine: i modi che ciascuno trova. (…) Cosa sia davvero contro natura è un altro tribunale a decidere. Dalle donne passa la vita, sempre. Dalla pancia, dalla testa, dalle mani e dai ricordi. (…) Quello che succede nel transito non è materia per dibattiti.”

altri libri per VereMamme >>

5 Risposte per “"Una madre lo sa": un brano che mi ha toccato”

  1. pensata scrive:

    Una madre probabilmente deve fare sempre quello che crede più giusto per se stessa, per i propri figli e per la propria vita…. valutare i consigli non credo sia sbagliato ma ignorare le "sentenze" altrui è necessario. ECHISENEFREGA del giudizio altrui….

  2. piattinicinesi scrive:

    molto bello questo passaggio.
    tra i 30 e i 45 anni la società comunque ci giudica attraverso il filtro della maternità anche quando non siamo madri.
    è questa secondo me la cosa terribile.

  3. Flavia scrive:

    è un libro di tante testimonianze femminili, il cui spirito sta tutto in questa sua introduzione. Ero stata colpita dal suo sottotitolo "tutte le ombre dell’amore perfetto" un paio d’anni prima di leggerlo – e quandofinalmente l’ho letto, ho deciso di creare questo sito!

  4. worldwidemom scrive:

    Il libro l’ho letto più di un anno fa e mi ha colpito molto.
    Mi ha colpito per la sua schietta e diretta verità. Ho provato a regalarlo ad un’amica che mi ha risposto:" oooo che esagerazione!".
    Trovo invece che non ci sia niente di esagerato ma molto reale. Una realtà nelle sue diverse sfumatura. Belle, brutte, simpatiche, agghiaccianti,…
    Lo consiglio.

  5. monica scrive:

    e se sei – mettiamo – la signora franzoni, sei morta… in ogni senso – ad esclusione della pena di morte.
    e sei per tutte/i la Cattiva Madre, feticcio, mostro, agnello sacrificale, capro espiatorio, epilogo di un fallimento senza parole. oppure sei medea …. (che poi è la stessa cosa)

    insomma o sei il top della maternità oppure il mostro.
    cha fatica essere solo un modello … e non una donna ….

    non che ammiri la vicenda cogne, ma è la tecnica dei mostri creati per dare faccia alle nostre paure, che ho paura!
    in ogni caso vige la legge del non vedere mai the dark side of the moon …

    il libro ?
    dovrò leggerlo!

    monica pontitibetani


Lascia un commento

Parliamone

email facebook friendfeed linkedin rss twitter wmi

Le conversazioni del Village

thetalkinvillage.com

E’ una lunga storia

Scarica il banner!

veremamme

Iniziative