Catalogato | Senza categoria

Il background di VereMamme

Pubblicato il 30 aprile 2008 da admin

Una mamma oggi è molto diversa dalle generazioni precedenti. Può avere interessi eterogenei e curiosità multiformi.  Ha una fiducia in sé anche se spesso viene messa a dura prova dai suoi ritmi sfrenati… ma si salva con un buon sense of humour. Ha molte domande, una personalità complessa e non si sente “solo” una mamma, anche se talvolta la sua inquietudine ha difficoltà ad esprimersi a causa delle tante pressioni, convenzioni e tentativi di manipolazione psicologica che circondano la maternità. Sa che non esiste un unico modo di essere mamma, un’unica soluzione ai problemi, e così è alla continua ricerca della sua strada. Pensa che dedicarsi degli spazi ogni tanto sia tanto necessario quanto salutare. Non si ritrova nel ruolo idealizzato della supermamma, nè massaia nè in carriera, si arrabbia quando pensa allo scarso sostegno dello stato sul tema della conciliazione tra lavoro e famiglia… E in tutto questo, i suoi sensi di colpa sono sempre in agguato. Per i suoi bambini, non cerca tanto consigli, raccomandazioni, ricette infallibili. Cerca piuttosto informazioni dirette al punto, e soprattutto libero scambio di esperienze e di opinioni, senza giudizi e senza pressioni.

In Italia, le donne che diventano mamme sono molto più preparate (scolasticamente) e informate che in passato, con una più alta percentuale di laureate, ad esempio, che tra gli uomini.

E non solo: le studentesse finiscono i corsi di laurea mediamente prima e con voti mediamente più alti degli uomini. Si arriva alla maternità sempre più tardi (media: 31 anni, in aumento anno dopo anno, e sono sempre di più le quarantenni) ma con una rete di aiuti insufficiente e una famiglia “allargata” che ormai non esiste più – se non ci fossero rimasti i nonni…! – il che ci lascia sole, impreparate, di fronte allo stress di gestire al meglio casa, lavoro, famiglie, relazioni.

“Barcamenarsi” nella ricerca del “perfetto” equilibrio sembra essere la parola chiave della mamma italiana del terzo millennio.

In questo scenario, due misure della realizzazione delle donne sono, in Italia, le più basse d’Europa: il tasso di occupazione e il tasso di natalità.

Sbagliamo a presentare e a leggere questi dati “solo” così, perchè non si tratta unicamente di indicatori di soddisfazione “personale”, si tratta soprattutto di fattori fondamentali di sviluppo di un paese. In altre parole, non è un problema individuale, è un problema della collettività.

Se non cominciamo in qualche modo ad aiutare le mamme oggi, le pari opportunità sono solo sulla carta. E, soprattutto, la società di domani sarà ancora più in crisi, ancora più povera: niente crescita, ne’ demografica, ne’ economica.

Infine, nonostante i modelli femminili siano molto più ricchi e poliedrici, ormai completamente diversi dal passato, i miti della mamma perfetta resistono intatti.

E così il conflitto tra eccesso di informazioni, consigli stile “manuale-so-tutto-io”, icone tradizionali, modelli ideali proposti dalla pubblicità, i messaggi ambivalenti da cui siamo bombardate (una donna deve lavorare e avere successo… una mamma è sempre accanto ai suoi figli), e dall’altra parte la nostra drammatica mancanza di tempo, le nostre difficoltà di ogni giorno, tutto questo genera ansia, confusione, stress, e infine rabbia. Ci sono troppi consigli in giro, a volte massificanti, banalizzanti, e dannosi perché si fa leva sul naturale senso di insicurezza delle mamme che si sentono inesperte. Ci sono spesso aspettative eccessive, come se un bambino fosse uno status symbol personale.

Diamo una voce e un nome a una nuova “tribù” i cui fermenti cominciano ormai chiaramente a notarsi intorno a noi: le VereMamme, quelle che desiderano solo essere se stesse, quelle intolleranti alle classificazioni. La spontaneità e la sicurezza di quello che siamo danno i migliori frutti, non i nostri nervosismi nell’inseguire un ideale che non siamo noi.

Insomma, vogliamo parlarne?

Lascia un commento

Parliamone

email facebook friendfeed linkedin rss twitter wmi

Le conversazioni del Village

thetalkinvillage.com

E’ una lunga storia

Scarica il banner!

veremamme

Iniziative